www.gojukairoma.it

Goju ryu in Italia, Goju kai in Italia Home Preferiti Email Indietro

Rubriche

Se vuoi partecipare manda un articolo via e-mail anche corredato di foto al nostro indirizzo di posta elettronica .


"SALUTI DALL' EGITTO" postato da Giuseppe e Massimo

Goju Kai Roma in Egitto

Anche gli antichi egizi praticavano il Goju ryu con la Goju kai Roma!
Ecco un antico "reperto" ritrovato ai piedi della Sfinge sotto l'ombra, cioè il sole delle piramidi.
Buone ferie e buon riposo a tutti! Ci ritroviamo a settembre in palestra.

 

"I RIZZO A GRAZ" postato da Giuseppe e Rita Rizzo

Campionato Europeo EGKF Austria 2010 Europeo Graz

Carissimi,
un pò di notizie dall'Austria: il viaggio tutto ok, a prescindere dal tempo...pioggia, pioggia e qualche raro scorcio di sole. Anche senza navigatore ce la siamo cavata molto bene, sia con le cartine che con la "chiacchiera". Gente molto simpatica e disponibile. L'albergo è accogliente e pulito ...ve lo consigliamo per eventuali vacanze! (è solo Bed & Breakfast).
Ieri sera alle 22 prima riunione, 10 minuti e un pò di chiarezza.

Questa mattina giro turistico per Graz, era più il tempo che passavamo a perderci che quello di giro effettivo : eravamo tutta la squadra nazionale! Pranzo, buona la tagliata.
Alle 15,00 appuntamento al palazzetto Asvo-halle ben organizzato nei servizi ed esteticamente valido. Controllo atleti (non si trovavano l'iscrizione di Riccardo, ma a questo siamo preparati!) e poi allenamento fino alle 18.
Stasera grande "pizzata" in albergo, anche se, come scritto sopra l'albergo è B&B, però esiste pizza taxi. Ce le porteranno e tutti insieme ceneremo, poi a nanna presto.
Domani mattina alle 9,00 la grande prova!!
Non sempre, con il gestore telefonico austriaco, riusciamo ad effettuare il roaming per l'Italia...portate pazienza...il sistema per comunicarvi notizie comunque lo troviamo!!!
Il maestro ci telefona e parla con Riccardo. E' molto utile...è un pò nervoso ed ha bisogno del suo sostegno. Nonostante la pizza (veramente orrenda!! lo sappiamo...all'estero gli italiani mangiano male!!! ma un conto è dirlo ed un'altro è provarlo!) siamo riusciti a dormire sereni e tranquilli.

Riccardo agli Europei di Graz Dopo un'abbondante colazione destinazione...paradise?? Nooooo palazzetto !
PUNTUALISSIMI. Alle 9 del 15 maggio 2010 inizia il 7° Campionato Europeo EGKF...emozionante l'apertura, 12 le nazioni partecipanti e molti/e gli/le atleti. Quasi subito si è creata sintonia con le nazioni a noi vicine sugli spalti: austriaci, spagnoli e ungheresi...e poi ancora i rumeni (tifo da stadio leggermente esagerati...ma loro sono fatti così).
Più calmi e pacati i russi, cechi, tedeschi, ucraini, sloveni, bielorussi, lituani. Si formano le poll degli atleti, per la categoria di Riccardo sono in due (c'è anche Francesco). Il sistema di arbitraggio è diverso da quello a cui noi siamo abituati; non più punteggi ma bandierina rossa o blu ed è ad eliminazione diretta. Che tensione!!!!!

1^ prova ci siamo, 2^ prova ci siamo sempre di più, 3^ prova...la tensione gioca brutti scherzi !
Sul tatami ci blocchiamo e l'atleta della repubblica Ceca vince a tavolino. Sugli spalti un secco NOOOO...(ci sono rimasti male anche gli spagnoli e gli ungheresi). Ma fortunatamente Riccardo non si perde d'animo e tenta il tutto per tutto per il terzo posto con un ragazzo russo dell'altra poll e poi ...medaglia di bronzo conquistata!!!
Festeggiamento tra i ragazzi della nazionale italiana. Ricky è un pò deluso ma comunque sorride ai suoi compagni. Proseguono le altre gare dove i nostri atleti si qualificano sia nel kata che nel kumite.
In serata alle 21,00 finali e premiazioni...EVVIVA sul podio dei cadetti ben 2 italiani. Unica nota stonata (in tutti i sensi): mancava l'inno d'italia! Lo abbiamo cantato noi ed i ragazzi. Immaginate il risultato!!!! Dalle 8 alle 22,30 turn over al palazzetto.
La band italiana esce dal palazzetto affamata ma ovviamente tutti chiusi. Però santo MC'DONALD'S aspettava solo noi. Certo che finire in Austria per mangiare le patatine e gli hamburger del MaC ! Poi rientriamo in albergo.


Nazionale a Graz

L'indomani altre gare per gli atleti più grandi ma considerata l'enorme distanza ed il lungo viaggio che ci attende si decide che, dopo un'abbondante colazione, di partire massimo entro le 11,00 (comunque riusciamo a fare una veloce apparizione nel palazzetto e vedere il piazzamento di altri nostri atleti!).
Mamma mia che avventura!!
Abschied Graz'll in unseren Herzen sein (la traduzione per chi non sa il tedesco : ce la faranno i prossimi atleti della Goju kai Roma che, ci auguriamo, vivranno questa bellissima esperienza?).
Il medagliere riportato in Italia è stato "ricco": 2 ori, 2 argenti e 5 bronzi.
Roma, stiamo ritornando da te....
I Rizzo

 

"BREVI RIFLESSIONI" di Riccardo e Simone

Riccardo e Simone

International Summer Camp 2009
Marina di Massa 30-31 maggio/1-2 giugno

Secondo noi lo stage è stato molto faticoso, soprattutto per gli orari, ma tutto sommato ci siamo divertiti assieme agli altri. Ci sono stati molti cambiamenti di programma e noi ci siamo adattati come potevamo.
Molti maestri, allievi e stili diversi hanno presenziato a questo evento il chè ha sottolineato la diversità che può esistere in questa disciplina: goju-ryu, wado-ryu, shodokan e altri.
Anche altri sport come il judo, aikido e il taekwondo hanno partecipato rendendo la dimostrazione serale per il pubblico un vero spettacolo e la stessa esibizione ha dimostrato che anche il goju-ryu, l’ultimo stile giunto in europa, è all’altezza degli altri.
Infatti ogni stile ha una specifica caratteristica che lo differenzia dagli altri nel modo di pensare e di mettere in pratica ciò che unisce tutti noi agli altri appassionati di questa disciplina : IL KARATE.

 

"SENSAZIONI" postato da Massimo Sementilli

sbandieratori

Campionato italiano Karate FIK 2009
Terni Palatennis

Salve,
sono Massimo, per gli amici Max, papà di Riccardo, un atleta della Gojukai di Roma.
Queste poche righe riportate sono le sensazioni di una giornata di sport dei nostri ragazzi al campionato italiano di karate FIK di Terni. Il mio vuole essere un tentativo divertente e rilassante per ingannare l'attesa prima dell’inizio della gara dei nostri atleti.

All’inizio il palazzetto era vuoto, ma con l’arrivo dei primi bambini il brusio dapprima flebile lasciava il posto ad un sempre più crescente vocio. Mentre i ragazzi sono impegnati nel tentativo di ricordare a mente tutti i passaggi dei loro kata, i maestri si prodigano negli ultimi suggerimenti. Questo è il sintomo di quanto un avvenimento del genere sia sentito.
Ma la parte che mi incuriosisce di più è che, al giorno d’oggi una disciplina così antica possa entrare così profondamente nelle personalità di molti ragazzi fino a diventare per molti di loro un riferimento (meno male!).

Il tempo scorre velocemente, l’atmosfera è carica ed elettrizzante la tensione sale sempre di più e forse solo il kiai conclusivo di ogni katà potrà spezzare il vociare che si fa sempre più assordante. atleti sul podio Tutto è pronto. Dirigenti, maestri ed atleti sono schierati per il saluto e il minuto di silenzio in onore delle vittime del terremoto in Abruzzo crea una forte commozione all’interno del palazzetto.
Questo è il karate piccola realtà ma grandi emozioni.

In questa disciplina vincono tutti anche chi non sale sul podio perchè il karate porta i praticanti verso una filosofia che si rispecchia anche nella vita di tutti i giorni.
Non a caso viene chiamata anche "arte".
L’esibizione molto spettacolare degli sbandieratori di San Gemignano dà inizio alla gara e la competizione prende prepotentemente il posto dei pensieri astratti e filosofici. Per noi occidentali il karate è anche uno sport agonistico.

Sui vari tatami si susseguono le prestazione degli atleti che nei pochi minuti del katà devono dimostrare la loro preparazione raggiunta. I punteggi degli arbitri pongono termine alla loro esibizione. Le premiazioni terminano una lunga giornata di sport tra applausi e foto.

Un ringraziamento particolare va ai nostri ragazzi per gli alti traguardi raggiunti e al maestro Paolucci Giovanni artefice di questo grande puzzle che pian piano si va componendo nell' associazione sportiva Goju kai Roma.

 

"UN GIORNO AL CAMPIDOGLIO" di Domiziano e Apollonia

Il 16 febbraio del 2009 io e mia sorella Apollonia, insieme al nostro maestro di karate Giovanni Paolucci, siamo stati invitati al Campidoglio, sede del comune di Roma, per ricevere un riconoscimento da parte del Consigliere Comunale per il Dipartimento delle Politiche Sportive, onorevole Alessandro Cochi.

Apollonia e Domiziano a Novo Mesto

Questo premio ci è stato consegnato perchè il 24 e 25 ottobre 2008 abbiamo partecipato e vinto il Campionato Mondiale di karate svoltosi a Novo Mesto in Slovenia.

A questo evento hanno partecipato atleti provenienti da moltissime nazioni tra cui la Slovenia, l'Irlanda, l'Albania, la Russia, la Scozia, la Spagna, l'Ucraina, la Germania, l'Ungheria, la Serbia, il Montenegro, l'Argentina, l'Australia, il Sudafrica ed altre.

Io mi sono classificato al primo posto nella gara kata categoria cinture marroni e nere, maschile 10-11 anni, mentre mia sorella si è classificata prima nella gara kata categoria cinture blu femminile 10-11 anni.

Arrivati in Campidoglio ci hanno fatto entrare nella sala dove saremmo stati premiati e dove aspettavano molti altri ragazzi che avevano raggiunto eccellenti risultati sportivi in altre discipline come il calcio, il motociclismo, lo sci eccetera.

Premiazione al Campidoglio

Siamo stati presentati al pubblico ed il Consigliere si è complimentato con noi e con il maestro, poi ci è stata consegnata una targa con sopra raffigurato lo stemma del Comune di Roma.

Questa giornata è servita a tutti noi per capire ancora di più quanto lo sport sia importante e se praticato seriamente quante soddisfazioni possa dare.

 

"IL MIO INIZIO" postato da Fabio Virgilio

Virgilio Fabio

Sono Fabio Virgilio,

ho quarantadue anni e da circa nove anni pratico karate.
Ho conseguito il grado shodan (cintura nera primo dan) e recentemente la qualifica di allenatore. Vorrei approfittare di questo spazio per esternare quello che penso di questa mia esperienza che ho trovato sorprendente e costruttiva in molteplici aspetti e che ancora ha tanto da darmi.

Ho iniziato a trentatre anni in una palestra di Trastevere. Stavo allenandomi con i pesi passando, tra un esercizio e una chiacchiera, qualche ora del pomeriggio quando un caro amico mi disse se con lui volevo provare a partecipare ad una lezione di karate.

Avevo una idea molto particolare sulle arti marziali, su quello che e' il luogo comune di molte persone. Per me era robba da matti, pensavo :"Ma che devo pure paga’ per farmi menare?!". Però non so se per istinto suicida o per altro ho posato i manubri e mi sono buttato nella mischia scoprendo tutta un'altra cosa rispetto ai miei pensieri.

Niente botte ma streching, preparazione fisica e sopratutto un grande controllo dei movimenti del corpo e di me stesso come obiettivo, passando da tecniche valide al fine della difesa personale alle forme accompagnate da profonda respirazione e concentrazione, qualcosa che andava ben oltre a ciò che immaginavo.

Ed è ora, con il passare del tempo, mi rendo conto di quanto mi ha dato questa disciplina sportiva e di quanto ancora mi potrà dare. Non finirò mai di dire grazie al mio maestro Paolucci Giovanni per avermi fatto conoscere i veri valori del karate-do trasmettendomi parte della sua esperienza (la sua di esperienza è talmente grande che mi ci vorranno ancora molti anni per apprenderla tutta) e per avermi fatto conoscere grandi interpreti di questa disciplina.

Soprattutto mi ha insegnato a distinguere chi divulga il karate vero da chi invece chiama karate qualcosa di astratto che poco a che vedere con la tradizione, il rispetto e l'educazione sportiva che questa attività insegna.


EVVIVA IL KARATE ( e le altre più che rispettose arti marziali) EVVIVA SENSEI PAOLUCCI.


Ciao da  Fabio Virgilio

  • i nostri video

    Get the Flash Player to see the wordTube Media Player.
  • agonismo foto

  • dove siamo

  • galleria foto


  • calendario

  • articoli recenti

www.gojukairoma.it

Home Preferiti Email Indietro